Pnrr, via libera alla seconda rata

Pnrr, via libera alla seconda rata

La Commissione Ue ha ufficializzato l’ok all’erogazione di ulteriori 21 miliardi del Piano italiano. La prossima rata, da 19 miliardi, è condizionata al raggiungimento di 55 obiettivi entro fine anno.

DateFormat

28 settembre 2022

L'Italia ha raggiunto i 45 obiettivi assegnati e ha ottenuto dunque l’ok della Commissione europea all'erogazione della seconda rata da 21 miliardi (10 miliardi di sovvenzioni e 11 di prestiti) dei fondi del Pnrr, il Piano nazionale di ripresa e resilienza.

"Ancora una volta buone notizie per l'Italia. La Commissione ritiene che abbia compiuto adeguati progressi nell'attuazione del suo piano nazionale per la ripresa per ricevere il secondo pagamento dal Next Generation Eu", ha reso noto la presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, confermando el anticipazione della settimana scorsa. "L'Italia continua a dar prova di un considerevole slancio riformatore in settori strategici fondamentali, quali l'impiego pubblico e gli appalti pubblici. Porgiamo dunque le nostre congratulazioni all'Italia augurandoci che prosegua per questa strada, la Commissione l'accompagnerà in questo percorso di ripresa", ha aggiunto von der Leyen.

L’obiettivo, ora, è sulla terza tranche da 19 miliardi, condizionata al raggiungimento di 55 obiettivi entro fine anno. "È  fondamentale onorare gli impegni rimanenti del Pnrr per realizzare il cambiamento strutturale necessario per indirizzare l'economia italiana su un percorso di crescita forte e duratura", ha sottolineato da parte sua il commissario Ue all’Economia, Paolo Gentiloni.

Dei 191,6 miliardi del Piano italiano, il 13% (9 miliardi in sovvenzioni e 15,9 in prestiti) è stato erogato a titolo di prefinanziamento il 13 agosto 2021. La Commissione ha inoltre erogato un primo pagamento di 21 miliardi il 13 aprile scorso.

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca