Crisi: le famiglie italiane "puntano" sulla ripresa

Crisi: le famiglie italiane "puntano" sulla ripresa

Presentato il rapporto Confcommercio-Censis sul clima di fiducia e le aspettative delle famiglie. Diminuisce il clima di incertezza, maggiore disponibilità al consumo. Resta la consapevolezza delle difficoltà attuali.

DateFormat

22 luglio 2009
Presentata a Roma, presso la sede nazionale di Confcommercio, l’indagine sul “Clima di fiducia ed aspettative delle famiglie i

Presentata a Roma, presso la sede nazionale di Confcommercio, l’indagine sul “Clima di fiducia ed aspettative delle famiglie italiane” realizzata dalla Confederazione in collaborazione con il Censis. Sono intervenuti presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, il direttore dell’Ufficio Studi, Mariano Bella e il direttore del Censis, Giuseppe Roma. In una fase in cui il picco della crisi probabilmente è superato (collocabile nel secondo trimestre del 2009), aumentano le famiglie che guardano al futuro con ottimismo (il 56,8% contro il 52,4% di gennaio) anche se quasi un terzo rimane pessimista; il 43% del campione ha mantenuto lo stesso livello di consumi negli ultimi sei mesi, mentre per quasi il 44% le spese sono aumentate, soprattutto a causa degli aumenti relativi alle tariffe delle utenze domestiche. Rimane diffuso un comportamento prudente da parte delle famiglie che per fronteggiare la crisi ricorrono soprattutto ad un maggior risparmio (46,2%) o ad una riduzione dei consumi (25,8%). Il “sentiment” generale, dunque, nonostante il permanere di una situazione di difficoltà e di un diffuso senso di cautela, è quello di un leggero e graduale miglioramento del clima di fiducia delle famiglie associato ad un incremento delle previsioni di spesa per i prossimi mesi rispetto al passato che potrebbe indurre ad una modesta ma tangibile ripresa dei consumi dopo il periodo estivo.

 

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca