"Sentinelle del mare": proteggiamo la biodiversità marina

"Sentinelle del mare": proteggiamo la biodiversità marina

È ripartito, fino al 15 settembre prossimo, il progetto che coinvolge cittadini e turisti nel monitoraggio dello stato di salute dei nostri mari. Scopri tutte le tappe del 2024.

DateFormat

6 giugno 2024

Il mare è una risorsa preziosa per il nostro pianeta, che va tutelato e protetto. Negli ultimi anni abbiamo assistito ad una forte crescita dell'inquinamento marino, con effetti devastanti sulla biodiversità dei nostri mari, sulla salute degli oceani e sull'uomo stesso. Come risposta alle minacce che l'ambiente sta affrontando è nato Sentinelle del mare, un progetto ideato dall'Università di Bologna e sostenuto da Confcommercio, che coinvolge cittadini e turisti nel monitoraggio della biodiversità marina.

Si tratta di un'iniziativa internazionale di ‘Citizen Science’ che dal 1999 ha come obiettivo quello di monitorare e tutelare le specie animali e vegetali del Mediterraneo con il coinvolgimento di tutti gli amanti del mare. Attraverso una scheda di rilevamento facile da usare, chiunque può diventare una Sentinella del mare e contribuire a raccogliere dati preziosi per la salvaguardia del nostro pianeta. I dati raccolti dall'iniziativa aiutano gli scienziati a monitorare lo stato di salute del mare e a identificare le minacce alla biodiversità marina. Informazioni come la presenza di specie invasive, la quantità di rifiuti in mare e la salute dei microrganismi sono solo alcuni esempi dei dati che le Sentinelle possono raccogliere.

Sentinelle del mare edizione 2019

Dopo l’entusiasmante stagione dell’estate 2019, come testimoniato dal video qui sopra, con migliaia di schede di rilevazione raccolte in 51 località di 17 province in tutta Italia e decine di eventi organizzati, quest'anno il progetto sarà attivo dal 15 maggio al 15 settembre 2024. In questa edizione di Sentinelle del mare saranno rafforzati gli aspetti di comunicazione esterna e di attenzione alle imprese partecipanti collegandosi, tra l’altro, ad un'altra iniziativa di Confcommercio: Impredigreen, un progetto che si articola in una serie di strumenti e servizi elaborati per accompagnare e valorizzare le imprese nel percorso di transizione ecologica, come ad esempio l’assegnazione di un marchio di sostenibilità.

Scopri tutte le altre iniziative di Confcommercio sul focus dedicato al turismo in Italia: indagini, news e informazioni sul settore per imprese e famiglie.

I prossimi appuntamenti

La stagione di Sentinelle del mare 2024 coinvolgerà moltissime spiagge italiane (scopri tutte le bandiere blu del 2024), con la collaborazione di partner e biologi che affiancheranno le attività di monitoraggio e catalogazione. Le tappe del progetto sono:

  • Monterosso, Lerici, Portovenere, La Spezia (Confcommercio La Spezia) - dal 20 maggio al 2 giugno;
  • Caorle (Confcommercio Venezia) - dal 3 giugno al 21 giugno;
  • Riviera del Conero, dal 17 al 22 giugno, Riviera del Fermano, seconda settimana (Confcommercio Marche Centrali) - dal 23 al 30 giugno;
  • Costa dei Trabocchi (Confcommercio Chieti) - dal 1° al 14 luglio;
  • Gaeta (Confcommercio Lazio Sud) - dal 20 luglio al 1° agosto;
  • Civitavecchia (Confcommercio Litorale Roma Nord) - dal 1° al 15 agosto.

Gli appuntamenti non finiscono qui: sono infatti previste altre tappe sui litorali italiani. Le date saranno annunciate a breve sempre su questa pagina.

Prima tappa, La Spezia

Il 20 maggio scorso si è tenuta a Riomaggiore la conferenza stampa di presentazione dell'iniziativa, patrocinata dal Ministero del Turismo, dal Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza energetica, dal Parco Nazionale delle Cinque Terre e dal Comune di Lerici. All'evento sono intervenuti: Donatella Bianchi, presidente del Parco nazionale delle Cinque Terre, Patrizio Scarpellini, direttore del Parco nazionale delle Cinque Terre, Alberto Corti, responsabile del settore Turismo di Confcommercio, Flavia Coccia, esperta di sistemi turistici territoriali, Vittorio Graziani, presidente di Confcommercio La Spezia, Gianni Bellingeri, presidente di Confcommercio Cinque Terre, Chiara Cassarino, biologa marina all'Università di Bologna.

"La ricchezza di specie e di habitat – ha commentato la presidente del Parco, Donatella Bianchi, nel suo indirizzo di saluto - conferisce ai nostri mari una straordinaria capacità di produrre benefici essenziali per la nostra vita come produrre il 50% dell’ossigeno che respiriamo, depurare le acque, sequestrare carbonio e mitigare i cambiamenti climatici, produrre cibo di qualità e mantenere integre le coste. Ogni habitat naturale che viene degradato dall’inquinamento o distrutto dalla pesca, perde biodiversità e con essa la capacità di produrre beni e servizi ecosistemici. Proteggere il mare è una sfida che riguarda tutti e 'Sentinelle del mare' è un esempio concreto di collaborazione tra scienza e cittadinanza attiva per raggiungere lo scopo".

"È un grande successo - ha aggiunto Alberto Corti, responsabile del settore Turismo di Confcommercio - poter riproporre Sentinelle del mare in alcuni dei tratti più incantevoli di questa costa. Il nostro particolare interesse per il progetto, che si inserisce, insieme a Imprendigreen, nelle attività di Confcommercio per la sostenibilità, risiede nella capacità di coinvolgere gli operatori del turismo in un percorso di crescente consapevolezza del loro ruolo cruciale nella salvaguardia dell’ambiente, testimoniando che la sostenibilità è una componente della loro stessa offerta, percepita come importante dai turisti".

"Attraverso questo progetto chiunque potrà diventare una Sentinella del Mare – ha concluso Vittorio Graziani il presidente di Confcommercio La Spezia – contribuendo a raccogliere dati
preziosi per la salvaguardia del nostro pianeta. Colgo l’occasione per ringraziare le aziende, le associazioni e i circoli che si sono resi disponibili a ospitare le iniziative".

A partire poi dal 21 maggio fino al 2 giugno la dottoressa Chiara Cassarino affiancherà bagnanti, professionisti, subacquei, snorkelisti per contribuire a comprendere lo stato della biodiversità marina con lezioni sul campo di biologia marina. Al centro dell’iniziativa saranno soprattutto i bambini che diventeranno delle vere e proprie "Sentinelle del Mare". L’istituto scelto per questa edizione sarà la scuola primaria di Monterosso.

Seconda tappa, Caorle

La sala Hemingway del Comune di Caorle ha ospitato il 28 maggio scorso la conferenza stampa di presentazione della seconda tappa, in programma dal 3 al 21 giugno. Sarà la dottoressa Francesca Giovanna Bardone, biologa e dottoranda presso il Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali dell'Università di Bologna, ad effettuare una serie di test e analisi sulle condizioni del mare locale e delle specie che vi dimorano, che verranno poi utilizzate per studi volti a tutelare la biodiversità marina. La dottoressa Bardone sarà protagonista, inoltre, di una serie di incontri che coinvolgeranno i giovanissimi studenti delle scuole primarie dell'Istituto Comprensivo Palladio di Caorle e gli ospiti del Villaggio Vacanze San Francesco di Duna Verde di Caorle. La biologa, inoltre, incontrerà la comunità di Caorle ed i suoi turisti in varie date e in varie location: il 7 giugno (ore 17) presso la sede dell'A.n.m.i. Caorle, l'8 giugno (ore 17) presso lo stabilimento balneare Don Pablo, il 15 giugno presso il Chiosco Adria (ore 11) e presso il Chiosco Guanambì (ore 17), il 16 giugno (ore 17) presso Chiosco Gabbiano e, a chiusura dell'iniziativa, nel pomeriggio del 20 giugno (ore 17) dove, nel corso di un aperitivo presso il ristorante Al Veliero, saranno presentati i primi risultati dell'indagine svolta a Caorle.

Il fitto calendario della tappa di Caorle del progetto “Sentinelle del Mare” prevede poi incontri tra la biologa ed i pescatori della marineria di Caorle, uscite in mare e in laguna a bordo dei pescherecci e della motovedetta della Guardia Costiera, la visita all'“orto di mare” (allevamento in mare di ostriche) e un'uscita con il Gruppo Sommozzatori di Caorle. Non va dimenticato, infine, che il progetto “Sentinelle del Mare” a Caorle prevede il coinvolgimento anche della ristorazione: l'esperta dell'Università di Bologna valuterà infatti i menu dei ristoratori aderenti all'iniziativa (Ristorante da Buso, Ristorante Pic Nic, Taverna Caorlina e Ristorante Al Veliero, tutti facenti parte del Gruppo “Innovatori per Tradizione” promosso da Confcommercio Caorle) per verificare e certificare la sostenibilità dei piatti proposti alla clientela seguendo criteri tra i quali vale la pena di ricordare l'utilizzo di prodotti a Km 0 e buone prassi in ambito di gestione del prodotto e metodi di preparazione.

“La Città di Caorle è orgogliosa di poter ospitare un'iniziativa così importante e prestigiosa prettamente dedicata alla valorizzazione ed alla difesa dell'ambiente, temi importanti per l'Amministrazione Comunale di Caorle. Voglio ringraziare Federalberghi e Confcommercio Caorle per l'impegno profuso in questa iniziativa che dimostra l'importante sinergia, anche su temi quali il turismo sostenibile, si sia creata tra Ente Pubblico ed operatori economici”, ha detto Mattia Munerotto, assessore al Turismo, Commercio ed alle Attività Produttive del Comune di Caorle.

“Federalberghi Caorle - ha quindi affermato la vicepresidente Chiara Visentinha avviato da tempo un percorso mirato alla creazione di una nuova visione del turismo balneare a Caorle. Un turismo che vada di pari passo con la sostenibilità ambientale e con la valorizzazione dei pregi naturalistici del nostro territorio. La partecipazione al progetto Sentinelle del Mare rappresenta per noi la naturale prosecuzione di questo percorso perché l'iniziativa, mirando a garantire la tutela del mare e delle specie che vi dimorano, allo stesso modo tutela anche il futuro delle nostre imprese ricettive, imprescindibilmente legate alla qualità del nostro mare. Non posso non esprimere poi una grande soddisfazione per l'adesione dimostrata trasversalmente da operatori turistici, commerciali, della ristorazione, associazioni e dell'Amministrazione Comunale che non ci hanno fatto mancare il loro supporto”.

“Sentinelle del Mare è un progetto di 'citizen science' che permetterà di coinvolgere un pubblico ampio e trasversale, dai bambini agli adulti, dai pescatori agli operatori economici. È un dato di fatto che - ha detto la dottoressa Bardone - poter permettere ad un ampia platea di persone di ampliare la propria conoscenza sul mare e sulle specie che lo popolano, incrementi anche la consapevolezza rispetto all'importanza di adottare comportamenti rispettosi dei delicati meccanismi che regolano la vita nei mari. L'ampia partecipazione che ci attendiamo a Caorle, grazie al lavoro mirabile svolto da Federalberghi Caorle, ci permetterà di raccogliere numerosi dati e analisi che aiuteranno l'Università di Bologna a proseguire l'indagine sullo stato della biodiversità nel Mediterraneo. Sono davvero lieta di poter operare qui a Caorle che, a tutti i livelli, ha accolto con grande entusiasmo questa iniziativa”.

Per Alberto Corti, responsabile Settore Turismo Confcommercio-Imprese per l'Italia, “realizzare il progetto Sentinelle del Mare in una località come Caorle, già certificata plastic free e nella quale, pertanto, l'attenzione per la sostenibilità ambientale è già alta, è stata per noi una grande sfida ed un incentivo a dare il massimo. E devo dire che è stupefacente il grado di coinvolgimento che il progetto ha raccolto qui: non solo gli stabilimenti balneari, ma anche alberghi, ristoranti, pescatori, hanno risposto all'appello ed offriranno il proprio contributo e la propria partecipazione nelle settimane che verranno. È evidente che qui a Caorle la valorizzazione della vacanza sostenibile come elemento attrattore per l'offerta turistica sia già affermato: con il progetto nazionale Sentinelle del Mare, quest'anno, abbiamo proprio voluto rafforzare questo legame tra turismo e attrattività verso il turista che oggi più che mai sceglie e valuta la propria meta di vacanza per il grado di attenzione che la località e le sue strutture ricettive dimostrano in materia ambientale”.

Infine parola a Flavia Coccia, esperta di sistemi turistici territoriali: “grazie a Sentinelle del Mare stiamo analizzando il livello di maturità sostenibile del sistema delle imprese turistiche. A Caorle la filosofia dell’iniziativa si sposa ancora di più con una destinazione che ha già da tempo scommesso sull’ecosostenibilità. Le aziende che aderiscono hanno una ottima propensione alla tutela ambientale e sociale, rispettando il territorio e la comunità locale. E a questo tipo di investimento del sistema turistico non può che corrispondere una domanda di mercato emergente. Infatti, un terzo della domanda turistica italiana ed ancor più quella internazionale, sceglie vacanze sotto la bandiera della sostenibilità: una volta a destinazione questi turisti apprezzano per il 40% la partecipazione a programmi di volontariato ambientale. Educare alla attenzione al mare e all’ambiente può divenire sempre di più una buon pratica per tutto l’anno con ritorni positivi anche sul fatturato”.

Come partecipare

Quest’anno le aree da coinvolgere, in ragione del maggior livello di approfondimento e completezza delle attività da programmare, saranno in numero minore rispetto alle precedenti edizioni. L’obiettivo è infatti quello di attivare il progetto in non più di 10 aree sul territorio nazionale, all’interno delle quali sarà comunque possibile indicare più "stazioni di rilevamento".

Le Associazioni del Sistema che vogliono candidare le aree del territorio di propria competenza a stazioni di rilevamento di Sentinelle del mare 2024, dovranno:

  • individuare un periodo, nell’intervallo tra la seconda quindicina di maggio e la prima di settembre, di durata non inferiore a 3 settimane consecutive, in cui verrà svolta l’attività del progetto;
  • definire l’area prescelta per lo svolgimento del progetto, con le relative stazioni di rilevamento, anche al fine di comunicarle preventivamente al pubblico tramite il sito web di sentinelle del mare e altri canali di comunicazione;
  • provvedere, per il periodo indicato, all’ospitalità di vitto e alloggio per l’esperto inviato dall’Università di Bologna, prevedendo anche i trasferimenti eventualmente richiesti dal programma di attività concordato per spostarsi tra le diverse stazioni di rilevamento dell’area definita;
  • nominare un referente interno all’organizzazione che sarà il contatto per tutti i successivi passaggi operativi.

Le Associazioni interessare sono invitate a trasmettere, entro venerdì 19 aprile, una mail con oggetto "Sentinelle del mare 2024 – manifestazione di interesse" all’indirizzo turismo@confcommercio.it riportando anche i riferimenti dell’incaricato che verrà prontamente contattato.

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca